Home » Blog » Un orto per crescere

“Il bambino è il germoglio dell’uomo che diventerà”
A.Camus

Vorrei partire da qui… da questo posto incantato che è la Cooperativa Riparo in cui ci siamo un po’ persi e in cui giorno dopo giorno stiamo ritrovando noi stessi. Durante i giorni scorsi abbiamo cominciato a lavorare per quello che sarà il nostro orto, cominciando a dar vita ad un piccolo rettangolo di 5 metri per 10. I materiali per lavorare la terra sono ancora molto basici, zappa e rastrello. Per questo abbiamo chiamato in nostro aiuto il fidato zio Fabio,  che armato di motozappa ha cominciato a risvegliare quella terra che per tanto tempo è stata costretta a celare le sue enormi potenzialità. Quindi una bella mattina zio Fabio e Luca hanno passato del tempo in compagnia della motozappa e scoperto che la terra nonostante tutto è ancora una terra buona da poter coltivare.

I giorni seguenti io e Rachele abbiamo deciso di rimboccarci le maniche e fare anche noi la nostra parte: rastrellando la terra, facendo i solchi e togliendo tutte le erbacce che facevano nuovamente capolino. Devo dire che lavorare la terra predispone il cuore all’ascolto di te stesso, delle tue forze fisiche e mentali, mette a dura prova la tua volontà, a dura prova le mani, le gambe, la schiena. Lavorare la terra crea anche occasioni in cui poter parlare con l’altro e progettare insieme a lui. Bene, questa domenica, dopo aver innaffiato abbondantemente il terreno già solcato e diviso in vialetti, io e Luca abbiamo finalmente trapiantato le piantine (cavoli, broccoli romani, finocchio, cicorione, ravanelli, insalata … eggià! Ancora l’insalata!) e non penso che sia stato un caso aver trapiantato le piantine insieme a Luca con il quale mi sposerò il 12 ottobre.

A questo punto vi starete domandando perché la citazione di Albert Camus all’inizio. Perché i bambini come dice Fröbel (reminescenze di un’educatrice) sono delle piccole piantine che vanno custodite , che vanno curate, protette dalle intemperie, che crescono insieme, che hanno bisogno di essere alimentate (anche dai buoni propositi). Quelle piantine che ora sono nel nostro orto ci fanno riflettere anche su questo, in un periodo in cui i bambini hanno tanto bisogno di sentirsi curati e protetti come le piantine di uno splendido orto in cui poter crescere forti e coraggiosi.